Domanda di investimenti energetici in Medio Oriente e Nord Africa

Resta inteso che nel 2021 la domanda di investimenti elettrici in Medio Oriente e Nord Africa sarà vicina ai 180 miliardi di dollari USA per soddisfare la crescente domanda di elettricità.

Secondo il rapporto, "i governi continuano a rispondere a questa sfida accelerando nuovi progetti e aggiornando le infrastrutture per soddisfare la crescente domanda, incoraggiando il settore privato e le istituzioni finanziarie a partecipare agli investimenti nell'industria energetica". Il commercio di energia in Medio Oriente e Nord Africa è ora molto indietro rispetto al mercato internazionale, ma c'è un enorme potenziale.

Il rapporto suggerisce che i governi di vari paesi possono cooperare con i paesi vicini per esplorare ulteriormente il potenziale del commercio di elettricità come supplemento alla loro maggiore capacità di produzione. Sebbene alcune reti elettriche nazionali in Medio Oriente e Nord Africa siano state interconnesse, le transazioni sono ancora basse e spesso si verificano solo durante le emergenze e le interruzioni di corrente. Dal 2011, gli Stati membri del Consiglio di cooperazione del Golfo hanno condotto scambi di energia regionali attraverso il Programma di interconnessione del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCCIA), che può rafforzare la sicurezza energetica e aumentare i benefici economici dell'efficienza.

Secondo i dati GCCIA, i benefici economici delle reti elettriche interconnesse hanno superato i 400 milioni di dollari nel 2016, la maggior parte dei quali proveniva dalla capacità installata risparmiata. Allo stesso tempo, l'interconnessione alla rete aiuterà anche a fare un uso più efficiente dell'infrastruttura elettrica esistente. Secondo le stime della Banca Mondiale, il tasso di utilizzo della capacità di generazione di energia della regione (fattore di capacità) è solo del 42%, mentre la capacità di interconnessione alla rete esistente è di circa il 10%.

Sebbene speriamo di rafforzare la cooperazione e migliorare il commercio di energia regionale, molte sfide ostacolano i progressi come la sicurezza energetica. Altre sfide includono la mancanza di solide capacità istituzionali e quadri normativi chiari, nonché una capacità inattiva limitata, specialmente durante i periodi di picco della domanda.

Il rapporto concludeva: “La regione del Medio Oriente e del Nord Africa dovrà continuare a investire pesantemente nella capacità di generazione di energia e nelle infrastrutture di trasmissione per soddisfare la crescente domanda e le riforme energetiche. La diversificazione della struttura del carburante è un problema irrisolto nella regione”.


Tempo di posta: lug-02-2021